Agnellino in braccio per l'articolo nche gli animali: citazioni e non solo

Anche gli animali: citazioni e non solo

Non c’è bisogno di amare gli animali per rispettarli. Il rispetto va al di là dell’amore. E non si tratta di umanizzarli, ma di riconoscerli come esseri senzienti con l’intelligenza che gli è propria.

Dalle citazioni ai documentari: la voce chiara e ferma in difesa di chi non ha voce. Perché la vita è sacra, in tutte le sue forme.

Citazioni

“Anche noi che ci preoccupiamo per un gatto dalla zampa spezzata o per un cane abbandonato, poi facciamo finta di non sapere come vengono uccisi i vitelli per rifornirci di bistecche: in fila di prima mattina al mattatoio, uno dietro l’altro, aspettando il turno per sottoporsi al crudele chiodo pneumatico che spacca loro il cranio in un secondo. E la cosa più atroce è che mentre fanno la fila, vedono morire i figli, i fratelli, le madri, i padri.
E quando li trasportano da un paese all’altro, da una città all’altra, li spingono dentro dei vagoni sprangati in cui sono costretti a stare in piedi per giorni interi, facendosi i bisogni l’uno addosso all’altro, senza mangiare e senza bere (tanto vanno a morire e chi se ne frega!), proprio come facevano i nazisti con le loro vittime.”
Dacia Maraini

“Nessuno dovrebbe tollerare che vengano inflitte agli animali delle sofferenze e neppure declinare le proprie responsabilità. Nessuno dovrebbe starsene tranquillo pensando che altrimenti si immischierebbe in affari che non lo riguardano. Quando tanti maltrattamenti vengono inflitti agli animali, quando essi agonizzano ignorati per colpa di uomini senza cuore, siamo tutti colpevoli”.
Albert Schweitzer


“L’idea che alcune vite contino meno di altre è la radice di tutto ciò che c’è di sbagliato nel mondo.”
Paul Farmer


“Penso che tutto ciò che è collegato con il vegetarianesimo sia della massima importanza, perché non ci potrà mai essere pace nel mondo finché ci ostiniamo a mangiare gli animali. Questo si applica anche ai pesci.
Io non mangio pesce. Sono diventato vegetariano perché per tutta la vita mi sono sentito in colpa e pieno di vergogna per il fatto di aver mangiato carne animale. Sono convinto che gli animali siano creature di Dio esattamente come lo sono gli esseri umani. E noi dobbiamo rispettarli e amarli, invece di macellarli.”
Isaac Bashevis Singer


“Quanto è importante per l’uomo avere attorno a se’ un po’ di natura, osservarla, impararne la logica e goderne. Come può un bambino crescere mentalmente sano nel mezzo di una città, senza sentire, accanto al ritmo della propria vita, quello della vita degli animali e delle piante”.
Tiziano Terzani


“Praticamente ogni settimana assistiamo a una nuova scoperta riguardante la sofisticatezza della cognizione animale (…). Parliamo sempre più spesso di ‘cultura’, ‘empatia’ e ‘amicizia’ all’interno del mondo animale. Niente è più off limits ormai, nemmeno la razionalità che era considerata da sempre una prerogativa umana”.
Frans Waal

Documentari

Un grido di dolore che mostra che cosa si nasconde davvero dietro l’industria della carne: è Their Voice. Their Voice è un cortometraggio di forte denuncia che dà voce alla sofferenza degli animali allevati come fossero cibo. Nella scena finale, un insieme di grida di animali sovrapposte compone l’urlo straziato di una delle attrici protagoniste. E’ un urlo che risuona fin dentro l’anima, e che dice basta alla violenza di un sistema di produzione alimentare crudele e disumano.


“Dopo anni passati a guardare negli occhi questi animali posso dire che nessuno di quegli sguardi è vuoto. Dietro c’è sempre qualcuno”. The last pig è la storia dell’ultimo periodo della vita di Bob Comis come allevatore di maiali, dell’ultimo maiale mandato al macello. “Non voglio più avere il potere di decidere chi vive o muore. Ho deciso di rinunciare al mio lavoro per vivere in linea con i miei principi.”


Etichette fuorvianti sulla sostenibilità e sulla tutela dei delfini, sterminio degli animali marini e devastazione ambientale, nuove forme di schiavitù e infiltrazioni della criminalità. Sono solo alcuni dei problemi che affronta il documentario Seaspiracy del regista Ali Tabrizi. Si tratta dell’ormai celebre lungometraggio, frutto di anni di indagini, che ha svelato il terribile impatto dell’uomo sugli ecosistemi marini e sui loro abitanti.

Esseri animali: dalla loro parte

La complessità della cognizione e delle capacità di apprendimento degli animali sono straordinarie. E non si tratta di umanizzare gli animali, ma di riconoscerli come esseri senzienti con l’intelligenza che gli è propria. Se ne avessimo più consapevolezza non li vedremmo più come cibo o come merce, condannandoli per questo a una vita orribile.

Cambiare abitudini, e vale per qualsiasi cosa importante, richiede impegno ma non possiamo più nutrirci di sangue e sofferenza.

LEGGI ANCHE
Perché veg? Te lo spiegano i campioni
E
“Benessere animale”: l’inganno dietro le etichette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *